Odontoiatria Conservativa

Lo Studio Valdinoci si occupa di tutte le fasi di Odontoiatria Conservativa a Forlì, per il trattando di lesioni cariose, abrasioni dentali e fratture. Lo sviluppo di nuovi protocolli e delle più moderne tecnologie, ha permesso all' odontoiatria conservativa di ridurre al minimo le indicazioni all’estrazione del dente compromesso da carie, traumi o, più semplicemente, con problemi estetici, e di ripristinare al meglio la bellezza del dente originale.

Si tratta della branca dell’odontoiatria volta al ripristino del dente dal punto di vista della struttura, della funzione e dell’estetica. Le tendenze attuali mirano alla prevenzione e all’intervento precoce sulle lesioni cariose al fine di evitare che la carie progredisca fino a intaccare la vitalità del dente. Mediante l’utilizzo dei più innovativi materiali, estremamente estetici, uniti all'esperienza e competenza dei nostri professionisti, si possono ottenere restauri che “scompaiono ” nel sorriso del paziente.

I trattamenti dell’Odontoiatria Conservativa consistono in cura e conservazione dell’integrità, della funzionalità e dell’estetica dei denti in modo diretto (otturazione) o indiretto (intarsio) tramite l’utilizzo di materiali in resina o ceramica. La carie è un processo distruttivo che inizia dallo smalto e in seguito, se non curata, avanza danneggiando prima la dentina e quindi la polpa dentale, provocando, a volte, infiammazione con forti dolori , per i quali è necessaria una devitalizzazione ( o trattamento canalare).

Per questo è importante individuare con prontezza la presenza di una carie al fine di attuare ogni azione necessaria alla salvaguardia del dente naturale.

Odontoiatria conservativa a Forlì, Cesena, Rimini, Gambettola

L’odontoiatria conservativa Forlì è una branca dell’odontoiatria restaurativa che si occupa della cura dei denti colpiti dalle carie. Il compito dell’odontoiatria conservativa è quello di ricorrere a tutte le procedure possibili per eliminare le carie e per chiudere le cavità risultanti dal deterioramento dello smalto e della dentina cariata, mediante l’impiego di materiali, strumenti e metodologie dedicate, atte allo scopo.

Odontoiatria conservativa Forlì. La carie, il nemico numero uno

La carie dentaria è una malattia degenerativa che colpisce i tessuti duri del dente, ovvero lo smalto e la dentina.

A provocarla è una infezione, che inizia sulla superficie del dente e, in seguito, procede verso l’interno fino a raggiungere la polpa del dente, causando dolore e infiammazione. Quali sono i fattori che possono provocare la carie dentale?

  • Batteri;
  • Zuccheri;
  • Fattori genetici predisponenti
  • Età.

I responsabili della carie dentale sono i batteri, ovvero comuni microrganismi di norma presenti nel cavo orale sotto forma di placca batterica. Per questo la prima forma per combattere e contrastare la carie dentale è proprio la prevenzione, unita ad una corretta e quotidiana igiene orale.

Per evitare di ricorrere all’odontoiatria conservativa Forlì e di intervenire nell’eliminazione della carie dentale, è assolutamente fondamentale rimuovere accuratamente i residui alimentari, in particolare gli zuccheri, di cui i batteri si nutrono. Gli zuccheri semplici e quelli più appiccicosi sono quelli più pericolosi perchè favoriscono la formazione della carie. Assumere in quantità elevata zuccheri altera l’acidità della nostra bocca e lo mantiene sempre troppo elevato, favorendo la demineralizzazione del dente. Per prevenire questa azione deteriorante, è assolutamente indispensabile lavare i denti mezz’ora dopo ogni pasto, quando possibile, in quanto è proprio nei primi minuti dopo l’assunzione del cibo che l’alto livello di acidità della bocca rende favorevole il terreno ai batteri e facilita la demineralizzazione superficiale.

Occorre considerare, tuttavia, che la carie può formarsi anche quando le nostre difese immunitarie si abbassano. In questo caso i batteri possono procedere in maniera indisturbata a distruggere la matrice minerale del dente, provocando lesioni cavitate.

Quando i batteri bucano lo smalto dentale e raggiungono la dentina, contraddistinta da un maggiore contenuto organico e percorsa da piccoli canali, i tubuli, il processo carioso procede in maniera ancora più rapida e tende a formare cavità quando i batteri distruggono completamente la matrice dentinale.

Più la carie si avvicina al tessuto della polpa, più i batteri possono attivare processi di infiammazione mediante i tubuli.

Da questo processo degenerativo nasce il dolore che caratterizza la carie profonda: la pulpite.

Odontoiatria conservativa Forlì. Lo Streptococco mutans, il più pericoloso fra i batteri

Nel cavo orale sono tanti e diversi i batteri presenti. Uno di questi, lo Streptococco mutans, è uno dei batteri che provoca più facilmente la carie. Questo batterio si nutre di residui alimentari ed in particolare di glucosio, il componente chiave dei resti di cibo che restano in bocca dopo un pasto.

La carie è una vera e propria patologia infettiva e la sua pericolosità sta nel fatto che essa trasforma batteri potenzialmente non nocivi in batteri molto dannosi.

Odontoiatria conservativa Forlì. I sintomi della carie.

Chi è stato affetto da carie dentale, riconoscerà molto bene questi sintomi come quelli provocati dalla carie:

  • Sensibilità al dolce
  • Dolore (pulpite), tipico della carie profonda

Il trattamento di cura della carie prevede la rimozione del tessuto infetto e la sua sostituzione con materiale adatto.

Quando il coinvolgimento pulpare è avanzato, è indispensabile intervenire rimuovendo il tessuto danneggiato e sostituendolo completamente. E’ questo l’ambito di cui si occupa l’endodonzia.

L’obiettivo dell’odontoiatria conservativa è la conservazione dei denti che, se non debitamente preservati e curati, verrebbero distrutti dalla carie dentale.

Odontoiatria conservativa Forlì. Le cause della carie dentale

I fattori che favoriscono la formazione della carie ed aumentano il rischio di contrarre una infezione sono tanti. Ecco alcuni dei più comuni.

  • Alterazioni del flusso salivare. Il compito della saliva è quello di contrastare la carie, tamponando l’acidità della bocca. La funzione chje essa esercita nel nostro cavo orale è non solo microbicida, ma anche immunitaria.
  • Arcata dentaria disarmonica, che favorisce la formazione della placca cariogena rendendone difficile la rimozione.
  • Pessime abitudini alimentari, ovvero spuntini frequenti oppure un eccessivo consumo di cibi dolci, che come abbiamo già detto sono gli alleati numero 1 della carie dentale.

 

Odontoiatria conservativa Forlì moderna. Come agisce

L’odontoiatria conservativa moderna si fonda sul concetto di minima invasività. Il suo compito è quello di rimuovere solo il tessuto cariato, sostituendolo con un materiale da restauro, legato direttamente al tessuto sano.

Negli ultimi anni sono stati quasi abbandonati gli amalgami d’argento (che richiedevano una preparazione ritentiva, quindi estesa) a favore dei compositi. I compositi sono formati da:

  • Matrice resinosa. Il componente chimicamente attivo del composito. Si presenta inizialmente sotto forma di monomero fluido e viene poi convertita in polimero rigido (polimerizzazione). La matrice è la fase continua a cui vengono aggiunti gli altri componenti
  • Riempitivo inorganico
  • Agente accoppiante (silano)
  • Attivatore